Nella città di Alberto Burri

4 ottobre 2017


Cosmopolita e innovatore, Alberto Burri ha esposto nei più importanti musei del mondo, dal Guggenheim di New York al Grand Palais di Parigi, e ha vissuto a Roma, a Los Angeles e in Costa Azzurra. Eppure, per tutta la vita, ha mantenuto forti legami con Città di Castello, la sua terra di origine, con i boschi dove andava a caccia e con maestri quali Raffaello e Piero della Francesca, che in quei luoghi hanno dipinto.

Proprio a Città di Castello Burri ha voluto lasciare la sua eredità artistica, un grande corpus di opere che rappresenta il suo rivoluzionario percorso creativo, dai Sacchi di iuta strappati e ricuciti degli anni Cinquanta alle Combustioni realizzate con la fiamma, dai Ferri alle Plastiche fino ai Cretti e ai grandi Cellotex dell’ultimo ventennio di carriera.

Il documentario Alberto Burri e la sua città, in onda venerdì 6 ottobre su Sky Arte HD, offre al pubblico un emozionante viaggio alla scoperta dei luoghi più suggestivi della città umbra, come il quattrocentesco Palazzo Albizzini, sede dell’opera storica di Burri, e i monumentali Ex-Seccatoi del tabacco tropicale, dove hanno trovato posto i lavori più tardi dell’artista.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close