Rudolf Nureyev e la danza

6 Giugno 2019


Figura imprescindibile nella storia della danza contemporanea, scomparso nel 1993, Rudolf Nureyev è ricordato ancora oggi per la sua maestria e per il suo piglio volitivo e determinato.

A lui è dedicato Rudolf Nureyev – Danza per la libertà, il docu-drama in onda su Sky Arte sabato 8 giugno, incentrato sui quattro mesi precedenti alla celebre defezione avvenuta all’aeroporto di Parigi il 16 giugno 1961. Un fatto che segnò non soltanto la carriera del ballerino, destinato a entrare nel firmamento della danza, ma anche le esistenze di chi lo circondava.

La vicenda è raccontata in prima persona dall’entourage di Nureyev: la ballerina Alla Osipenko, il rivale Sergei Vikulov, la fedele amica Clara Saint e il danzatore e coreografo Pierre Lacotte. Spettacolari performance messe in scena da Artem Ovcharenko, la star del Bolshoi Ballet chiamato a interpretare il ruolo di Nureyev, fanno da cornice al racconto di un evento al confine tra arte e politica.