Leonardo, il genio del Rinascimento

8 Luglio 2016


Artista, ingegnere, scienziato, inventore: è Leonardo da Vinci, uno dei più grandi intellettuali della storia italiana, capace di raggiungere risultati strabilianti e innovativi in qualsiasi campo del sapere umano. Non basta un programma soltanto per ripercorrere la vita di un genio così prolifico. Sky Arte HD dedica al mito del Rinascimento un’intera Notte Leonardo, in onda sabato 9 luglio.

La serata prenderà il via con Leonardo from the National Gallery, lo speciale realizzato nel museo di Londra in occasione di una retrospettiva memorabile. Il documentario è un viaggio in alta definizione tra le sale della mostra Leonardo da Vinci: pittore alla corte di Milano, curata da Luke Syson, la più completa mai realizzata dei dipinti di Leonardo. Tra i primati della rassegna ospitata dalla National Gallery, merita di essere citata l’impresa di esporre, accostate l’una all’altra, le due versioni della Vergine delle Rocce: l’esemplare britannico, reduce da un accurato restauro che esalta il tocco originario dell’artista toscano, e quello francese, eccezionalmente concesso in prestito dal Louvre di Parigi al museo londinese.

Tra i capolavori leonardeschi, è impossibile dimenticare la Monna Lisa, oggi custodita dal prestigioso Musée du Louvre e meta di veri e propri pellegrinaggi turistici. Ma chi era veramente la donna ritratta da Leonardo?  Fin dal Rinascimento, questo interrogativo non smette di tormentare critici e storici dell’arte. La tradizione vuole che la Gioconda debba il suo nome – riportato per la prima volta dal Vasari – al marito Francesco del Giocondo, ricco mercante fiorentino che ne avrebbe commissionato il ritratto al pittore, già allora al culmine della fama. Il segreto di Monna Lisa ipotizza ben altra identità per la misteriosa donna raffigurata da Leonardo. Un soggetto che, a quanto pare, aveva davvero qualcosa da nascondere: una relazione clandestina con un membro della famiglia de’ Medici. È forse possibile che la Gioconda sorrida a un figlio segreto, eternando il suo affetto per lui nel capolavoro leonardesco?

Non solo le origini, ma anche la vicende più recenti legate al celebre dipinto riservano sorprese. Nella puntata de I predatori dell’arte perduta dedicata a Leonardo da Vinci e la Monna Lisa, scopriremo l’incredibile caso del furto della tela dal Louvre, avvenuto nel 1911. Non era la prima volta che l’opera di Leonardo da Vinci veniva sottratta al pubblico godimento. Un secolo prima, infatti, nientemeno che Napoleone Bonaparte aveva deciso di appendere la tela in una delle sue camere da letto imperiali. Nonostante duecento anni separassero i due casi di furto, si scoprì in seguito che questi erano collegati… da una nozione distorta della storia!

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #NotteLeonardo.