Ronnie Wood. Uno Stone on-air

28 Agosto 2014


Un ambiente carico di suggestione: le pareti avvolte nell’immancabile manto fonoassorbente nero, il microfono che pende sul tavolo; dall’altra parte del vetro il bancone del mixer. Sulla porta l’insegna al neon, pronta a scattare nel momento in cui il cursore del volume di alza lento ma sicuro: on-air . Torna uno dei programmi musicali più interessanti degli ultimi anni, riproposto nel corso di una imperdibile maratona. Torna, tutto in una notte, il Ronnie Wood Show.

Ha il valore di un greatest hits  la serata che Sky Arte HD dedica al leggendario chitarrista dei Rolling Stones, protagonista sulle frequenze della BBC di un format che ha cambiato in modo radicale il modo di raccontare la musica. Portando con estrema naturalezza gli schemi, i linguaggi e le tecniche della radio sul piccolo schermo. Ronnie Wood è abile affabulatore, ospite impeccabile che accoglie in onda mostri sacri e giovani promesse del rock, per interviste decisamente non convenzionali.

Non importa che tu sia Alice Cooper o Mark Ronson, che tu abbia suonato negli Stereophonics o con i Guns N’Roses: mr. Wood sa come metterti a tuo agio, intavolando una conversazione più che amichevole. E finendo, inevitabilmente, per imbracciare la chitarra per set semiacustici che nella loro apparente improvvisazione restituiscono il calore di un incontro tra vecchi compagni di avventure.

Ricco il catalogo degli ospiti dello show, altrettanto importante la scaletta che va formandosi una puntata dopo l’altra. Tra una schitarrata con Slash e una jam-session con Ian McLagan; arrivando al fatidico incontro con quella che per un Rolling Stones rappresenta, fatalmente, l’altra metà del rock. Nello studio dello show ecco transitare allora anche un certo Paul McCartney: per un abbraccio epocale tra due stili unici.

Commenta con noi le puntate dello show sui social network, seguendo l’hashtag #RonnieWoodNight

La curiosità – Anche Ronnie Wood si è cimentato nella doccia gelata della Ice Bucket Challenge, il gavettone social che punta a sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti della lotta alla SLA. Il chitarrista, come chiede la prassi, ha postato la sua performance sui social network: sfidando a fare altrettanto Rod Stewart e l’attore Woody Harrelson.