Sogno rock di mezza estate

13 Agosto 2014


Nohing is easy  recita uno tra i loro più grandi successi, proposto al Festival dell’Isola di Wight e dunque pezzo forte del concerto di apertura del Ferragosto Rock targato Sky Arte HD. Ma è una contraddizione in termini: tutto diventa facile se ti chiami Ian Anderson e se con te suonano i Jethro Tull, eccezionali nel loro stile che avvicina folk, blues, rock e classica. Per uno show entrato nella Storia.

Al pari di quello tenuto dai Doors, nel luglio del 1968, all’Hollywood Bowl. La cornice è quella di uno straordinario anfiteatro a un passo dalle assolate spiagge della California, il clima è quello incandescente della Summer of Love. Jim Morrison, lo sciamano del rock, incanta i fan in delirio con Light My Fire , Five to One , Back Door Man ; prima di una delle più oniriche e allucinate versioni mai eseguite di The End .

Ma torniamo sull’Isola di Wight: ha la firma di un premio Oscar, il documentarista Murray Lerner, il video che documenta la performance degli Who sul palco del celebre festival. Siamo nell’estate del 1970, davanti a un pubblico di 600mila persone. Un decimo – comunque tantissimi! – quanti nel 2013 hanno assistito al live da Hyde Park dei Rolling Stones: una performance spettacolare, nel ricordo dello show tenuto sullo stesso palco quasi mezzo secolo prima in onore di Brian Jones. Il compagno e amico prematuramente scomparso.

La serata si chiude con altri mostri sacri. In Voodoo Child ci lasciamo affascinare dalle chitarre orgiastiche di Jimi Hendrix, mentre con Perfect Strangers torniamo indietro nel tempo di trent’anni giusti. È il 1984 quando i Deep Purple appianano le annose divergenze tra membri della band e tornano tutti insieme sul palco, ritrovando anche lo scontroso Ritchie Blackmore. Per una serata decisamente indimenticabile.

Commenta con noi la serata sui social network seguendo l’hashtag #FerragostoRock

La curiosità – Lo strumento che caratterizza il leader dei Jethro Tull Ian Anderson? Il flauto traverso. Ma non si tratta, per lui, di una prima scelta: semmai di un ripiego. A cui arriva dopo aver assistito a un concerto di Eric Clapton, quando matura la convinzione di non essere alla sua altezza e non sapere quindi come avvicinarne lo stile.