Tra cinema e teatro, la magia di Zeffirelli

11 febbraio 2013


Ha consacrato la propria vita alla bellezza, omaggiandola con uguale maestria al cinema e a teatro. È regista di esclusiva raffinatezza, capace di ricreare atmosfere di inarrivabile suggestione; la sua interpretazione di alcuni tra i più grandi classici della letteratura e dell’opera di tutti i tempi, e il racconto drammatico delle vicende più intense della storia contemporanea, restano impressi nella memoria collettiva.

Compie in questi giorni novant’anni: e Sky Arte HD festeggia la ricorrenza con un documentario che ne ripercorre i maggiori successi professionali, ma che sa anche svelare le inquietudini e la straordinaria sensibilità di un uomo unico. Franco Zeffirelli si racconta. Condividendo il doloroso ricordo di un’infanzia non semplice e la memoria di una gioventù funestata dal secondo conflitto mondiale; attimi difficili, superati grazie alla potenza dell’arte.

Con Discovering Zeffirelli si entra nel mondo di un puro esteta dell’immagine, accompagnati dalla sua viva voce e da quella di amici e fedeli collaboratori. Nella lunga intervista raccolta da Lyndy Saville il maestro ripercorre gli anni passati nella Firenze del ventennio e l’incontro, fatale con Luchino Visconti; gli anni al seguito del cineasta e le prime prove come attore, tra teatro e grande schermo. Fino alla scelta di dedicarsi, in via esclusiva, alla regia.

Una decisione che lo porta a misurarsi con i più grandi di Hollywood: memorabili i segreti del backstage de “La bisbetica domata”, con Zeffirelli a svelare con un sorriso le bizze della coppia Richard Burton – Liz Taylor. Il flusso del racconto si snoda seguendo successi assoluti, da “Romeo e Giulietta” fino allo sceneggiato tv “Gesù di Nazareth”: veri e propri gioielli, nel cui riflesso brilla la sensibilità di un genio leggendario.