Trip hop tropicale a Casa Bertallot

10 novembre 2014


Da un lato le atmosfere ambient, tessute con trame sonore delicatissime, notturne, quasi lunari; dall’altro l’energia vibrante ed esplosiva del jazz, amplificata dalla magica potenza espressiva della musica sudamericana. Più diversi non potrebbero essere i Massive Attack e Omar Sosa, i primi icona internazionale del trip hop e ambasciatori nel mondo del Bristol sound; l’altro pianista estroso, eccentrico, coloratissimo. Eppure, nel momento in cui si inconttrano…

Galeotta fu Sky Arte HD e galeotto fu Alessio Bertallot, il più celebre selector e dj italiano; che ha scelto di richiamare Sosa e la sua band a Milano per una nuova puntata di Variazioni Bertallot, la serie che costruisce nuovi percorsi sonori tra passato e futuro, creando in presa diretta cover d’autore di grandi successi. E costruendo appassionanti cortocircuiti tra musica e immagine, grazie al rapporto con i ragazzi della Red Bull Music Academy e con artisti di fama internazionale.

Impresa epica quella che vede all’opera Omar Sosa, coraggiosissimo nell’accettare di mettere le mani su una pietra miliare degli Anni Novanta come la sensuale Teardrop , forse il brano più noto della band britannica. Completamente riarrangiata per l’occasione, trasformata in un brano che rivela inattese coloriture. Ma gli incontri inediti non finiscono qui: ecco gli onirici origami di Uroš Mihić sposarsi al meltin’ pot musicale del dj Jolly Mare, abituato a miscelare elettronica e cantautorato d’autore.

La puntata si chiude con una libera interpretazione di In a Landscape , memorabile partitura di John Cage. Atmosfere rarefatte, squisitamente astratte, rielaborate in forma visuale dal collettivo Artway of Thinking: è il battito cardiaco degli artisti, trattato come immagine, a suonare all’unisono con la musica. Creando un effetto di pura e coinvolgente empatia.

Commenta con noi la serata sui social network usando l’hashtag #VariazioniBertallot

La curiosità – Diverse le cover di Teardrop  realizzate negli ultimi anni. Una delle più apprezzate porta la firma dell’ex Take That Gary Barlow, che per registrare il brano ha radunato un super-gruppo di star della scena underground inglese, battezzandolo The Collective .


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close