Sciare sul tetto di un termovalorizzatore? In Danimarca si può

9 ottobre 2019

Bjarke Ingels Group, CopenHilll - Amager Bakke, Copenhagen. Photo Rasmus Hjortshoj

Per quanti hanno già visitato la mostra FORMGIVING – An Architectural Future History from Big Bang to Singularity, in corso al Danish Architecture Centre di Copenaghen fino al 5 gennaio 2020, non ha bisogno di presentazioni. Per tutti gli altri, apprendere che nella capitale danese un enorme impianto di termovalorizzazione è (anche) un centro ricreativo e un polo per l’educazione ambientale rappresenterà, probabilmente, una sorprendente scoperta.

Vincitore del concorso indetto nel 2011, lo studio di architettura BIG ‒ Bjarke Ingels Group, insieme ai partner SLA, AKT, Lüchinger + Meyer, MOE e Rambøll, ha concepito l’Amager Resource Center di Copenaghen, per tutti CopenHill, come un’infrastruttura pubblica in grado di assolvere a una pluralità di funzioni. Essenzialmente è un termovalorizzatore, ma la sua copertura, contraddistinta da una profonda curvatura e da un notevole dislivello, è stata progettata per essere sormontata da una pista da sci e da un percorso escursionistico nel verde, oltre che per ospitare una parete per l’arrampicata e altri servizi per la collettività.

Copenaghen, che punta a diventare la prima città a emissioni zero del mondo entro il 2025, ha così scelto di dotarsi di una struttura che punta a ispirare “una nuova generazione di impianti di termovalorizzazione, che è sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale“, nello stesso tempo in grado di ridefinire “il rapporto tra produzione e ricreazione, tra infrastruttura energetica e infrastruttura sociale, tra fabbrica e città“, come ha sottolineato David Zahle, partner dello studio BIG. Per Bjarke Ingels, fondatore e direttore creativo di BIG, “CopenHill è una palese espressione architettonica di qualcosa che altrimenti sarebbe rimasto invisibile. (…) Come centrale elettrica, CopenHill è così pulita che siamo riusciti a trasformare la sua massa edilizia nel fondamento della vita sociale della città: la sua facciata è scalabile, il suo tetto è percorribile e sulle sue pendenze si può sciare. Un chiaro esempio di sostenibilità edonistica”.

[Immagine in apertura: BIG ‒ Bjarke Ingels Group, Copenhill. Photo by Rasmus Hjortshoj]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close