Digital Live 2013

MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO - dal 09/10/2013 al 10/11/2013

MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO

Via Guido Reni 4a Roma Italia
+39 0639967350
info@fondazionemaxxi.it

Info box

Generi: arte contemporanea, collettiva, new media

Romaeuropa è arte con la mostra Digital Life 2013, fulcro tecnologico del Festival, alla sua quarta edizione con il titolo Liquid Landscapes e 27 opere in mostra dal 10 ottobre al 10 dicembre al MACRO Testaccio e al MAXXI, selezionate dal comitato artistico coordinato da Monique Veaute assieme ad Alain Fleischer e Daniele Spanò.Romaeuropa è arte con la mostra Digital Life 2013, fulcro tecnologico del Festival, alla sua quarta edizione con il titolo Liquid Landscapes e 27 opere in mostra dal 10 ottobre al 10 dicembre al MACRO Testaccio e al MAXXI, selezionate dal comitato artistico coordinato da Monique Veaute assieme ad Alain Fleischer e Daniele Spanò.
Installazioni multimediali, ambienti sonori, opere interattive, incontri, in un percorso in cui «denominatore comune è il paesaggio, con i suoi mutamenti ed evoluzioni, -spiegano Veaute e Spanò-, un paesaggio liquido, intangibile e multiforme, di cui si fa l’esperienza non solo attraverso la visione, ma una serie di dati elaborati digitalmente che si sommano di continuo a quelli ottenuti dall’esperienza cognitiva. Una realtà non solo aumentata, ma estesa e fluida, dove la rielaborazione delle immagini e dei suoni diviene parte integrante di un insieme complesso e ottenuto dalla stratificazione dei linguaggi e degli stati emotivi».
Partner dell’edizione 2013 è non a caso Le Fresnoy-Studio national des arts contemporains, centro di eccellenza per la produzione artistica legata al mondo del digitale, che corealizza il progetto -prodotto da Fondazione Romaeuropa in partnership con Telecom Italia e creato su impulso della Regione Lazio- con MACRO-Comune di Roma, in collaborazione con MAXXI.
Unica opera attesa al MAXXI la nuova creazione di Daniele Puppi, artista friulano attivo tra Roma e Londra, che proporrà un lavoro creato appositamente per Digital Life, un dialogo tra immagine, spazio espositivo e mezzo artistico, mentre occupano i due capannoni del MACRO Testaccio le due sezioni:
The World You Know, sulla città e i suoi mutamenti, con l’installazione interattiva L’empire di Aurelien Vernhes e Lermusiaux, che gioca sull’impatto della presenza umana sui luoghi; Mutations of matter di Carlos Franklin e Roque Rivas, rivisitazione della città di New York in musica e video; Ground di Ryoichi Kurokawa, frammentazione e distorsione digitale di immagini di territori investiti dai conflitti bellici; Ligne Verte di Laurent Mareschal, ancora sul tema del conflitto, dove il muro che separa Israele dai territori palestinesi è distrutto dall’intervento della natura; La Terre Outragé, lungometraggio dell’israeliana Michale Boganim, in cui, a Chernobyl, la natura torna a impossessarsi dello spazio strappatole dall’uomo; Monade del francese Alexander Maubert, un nuovo modo di pensare la città, tra le piccole comunità dell’America Latina; RBSC.01 di Mattia Casalegno, un bizzarro congegno autosufficiente in bilico tra impastatrice e ghigliottina; In Nubius project room 169,23 m3 di Marco Maria Scifo, osservazione e studio degli habitat, umano e animale, restituita per mezzo di proiezioni e disegni. Insolite possibilità di ‘visione’ in Falling Forward di Robin Rimbaud, o di rappresentazione dello spazio in 3MORE60 di Pietro Babina; la distruzione di un quartiere di Shanghai, osservata in un silenzio surreale dalla camera di Zhenchen Liu nel video Undercostuction e le zone di cintura esplorate da Devis Venturelli in Suburban Raphsody; una nuova apocalisse contemporanea tra le torri di Du Zhenjun inThe flood, the wind, destruction.
The World You Own, il paesaggio ridisegnato dalla tecnologia, presenta Site specific di Carlo Bernardini che suggerisce, attraverso l’utilizzo della fibra ottica, la presenza di spazi virtuali sovrapposti a spazi reali; Coagulate dell’artista rumeno Mihai Grecu, distorce la visione per mezzo dell’acqua; Unità minime di sensibilità di Roberto Pugliese, rielabora in digitale i suoni catturati nell’ambiente; Tenore di Fondo, Narciso e Butterfly Effect tre opere di Donato Piccolo, in cui l’artista esamina la possibilità di controllo dei fenomeni fisici per svelarne l’effetto emozionale; Planet A di Momoko Seto, rappresenta in maniera visionaria e inquietante l’erosione di un paesaggio, restituito attraverso una originale interpretazione dalle immagini ritoccate a pastello di Paul Thorel, e la nuova creazione del collettivo Quiet Ensemble.
Completano il progetto gli incontri e workshop realizzati insieme ai protagonisti dell’innovazione, all’Opificio Telecom Italia, per presentare una visione trasversale della creatività e dei suoi fautori.
Il comitato artistico di Digital Life 2013 è composto da Monique Veaute, Presidente della Fondazione Romaeuropa, Fabrizio Grifasi, Direttore della Fondazione Romaeuropa, Alain Fleischer, cineasta e fotografo, Direttore di Le Fresnoy, Bartolomeo Pietromarchi, curatore e critico d’arte, e Daniele Spanò, artista e consulente artistico Fondazione Romaeuropa, in collaborazione con Nathalia Trébik (Responsabile Diffusione di Le Fresnoy) ed Eric Prigent (Direttore Pedagogico di Le Fresnoy).