Tutto pronto per la settima edizione del festival di street art, ideato da Alice Pasquini, che ha trasformato e fatto rinascere l'antico borgo di Civitacampomarano. Dal 23 al 26 giugno prossimi, sette artisti internazionali faranno tappa nel borgo molisano.

Dal 23 al 26 giugno prossimi, con la direzione artistica della street artist e illustratrice Alice Pasquini, il Comune di Civitacampomarano (in provincia di Campobasso) fa da cornice alla settima edizione di Cvtà Street Fest, il più grande festival italiano dedicato alla street art. La rassegna 2022 – intitolata L’Italia che r/esiste offre i suoi muri agli artisti di tutto il mondo – conta su sette artisti internazionali e un ricco programma di eventi tra musica dal vivo, proiezioni di cinema nel Castello Angioino e scoperta delle tradizioni locali del borgo molisano divenuto in pochi anni un museo a cielo aperto, libero e gratuito.STREET ART IN MOLISECvtà Street Fest è riuscito, infatti, a trasformare il piccolo paese di appena trecento abitanti in una meta internazionale per gli amanti dell’arte urbana, una storia di successo che nei giorni del festival ha fatto registrare oltre ventitremila presenze e un aumento costante di visitatori.Gli artisti di quest’edizione – la spagnola Cinta Vidal, l’indiano Daku, i fratelli iraniani con base a New York Icy e Sot, il tedesco Akut, il francese Ememem e il writer sudafricano Keya Tama saranno ospitati a Casa Cuoco, la storica dimora in cui visse l'illuminista italiano Vincenzo Cuoco. Le opere destinate alle mura e alle strade del paese quest'anno saranno ispirate a temi d’attualità come l’accoglienza, le migrazioni, il rispetto della diversità e la tolleranza.L’EDIZIONE 2022 DI "CVTÀ STREET FEST"Insieme alla realizzazione di nuovi murales, a Civitacampomarano, per l’edizione 2022 del festival, torneranno anche le passeggiate alla scoperta del borgo molisano di origine sannita ricco si storia e siti di rilevanza culturale come il Castello Angioino, la Casa del Mercante e la Chiesa di San Giorgio Martire; ma anche eventi musicali come dj set e live set e proiezioni cinematografiche. Non mancheranno poi le visite guidate gratuite alla scoperta delle ormai cinquanta opere d’arte realizzate, nel corso delle varie edizioni, sui muri del borgo da artisti come David de la Mano, Alex Senna Nespoon, Jan Vormann, Add Fuel, Martin Whatson, Biancoshock, Icks, Uno, Gola Hundun.[Immagine in anteprima: Cvtà Street Fest, 2018. ANTONIETTA. Photo Alessia Di Risio ]
PUBBLICITÀ